Argento Colloidale Medionic®

Quale acqua distillata è adatta per la produzione dell'argento colloidale?

Per ottenere una buona qualità dell'argento colloidale, si consiglia l'uso di acqua distillata. Scopri quale è adatta per un prodotto di qualità.

 

Chiunque produca argento colloidale deve sapere che può essere utilizzata solo acqua distillata o demineralizzata senza aggiunta di sale o simili. Questo è l'unico modo per prevenire in modo affidabile la formazione di sali d'argento indesiderati durante l'elettrolisi. 


Questo dovrebbe essere sottolineato ancora una volta esplicitamente all'inizio, dato che queste conoscenze di base non sono ancora arrivate ovunque.

 

Distillato, demineralizzato - Nomi ed etichette

 

Il nome acqua distillata si riferisce alla forma originale della distillazione a vapore, che non viene più utilizzata a causa dell'enorme uso di energia e di acqua di raffreddamento. Oltre ad altri processi, oggi l'acqua distillata viene solitamente prodotta per osmosi inversa con uno scambiatore ionico a valle o elettrodeionizzazione.

 

Mentre in passato l'acqua così prodotta si distingueva chiaramente dall'acqua distillata a vapore per il fatto di essere descritta come identica all'acqua distillata, oggi quest'acqua è difficilmente reperibile e questa acqua è descritta anche come distillata e si limita ad aggiungere che si tratta di acqua demineralizzata o demineralizzata.

 

Designazioni come deionizzata o demineralizzata parlano per l'uso di sistemi a scambio ionico.
Gli impianti industriali sono in grado di produrre l'acqua più pura con la più bassa conducibilità (0,055 µS/cm). Tuttavia, una descrizione dettagliata del processo andrebbe oltre la portata di questo post del blog, e anche il profano interessato troverà sicuramente ciò che sta cercando su Internet.

 

Effetti dell'acqua sull'elettrolisi dell'argento

 

L'acqua ha una grande influenza sulla produzione di argento colloidale. Questa influenza è di solito completamente sottovalutata. A seconda dell'acqua, possono verificarsi diverse decolorazioni, torbidità, contenuto di ioni, concentrazioni, depositi e differenze di gusto. La conduttività dell'acqua, la temperatura, il valore del pH, i gas disciolti, ecc. giocano un ruolo decisivo. Parametri come questi sono in molti casi già dipendenti dal tipo di produzione dell'acqua distillata. 

 

Norme

Sulla maggior parte delle etichette per l'acqua distillata si trovano norme come DIN 43530, DIN EN 285 o VDE 0510. Questi standard non hanno quasi nessun significato per la produzione di soluzioni in argento. Essi contengono principalmente requisiti di sicurezza per gli accumulatori o per il loro utilizzo negli sterilizzatori. La norma DIN EN ISO 3696 nel nostro contesto, che specifica i criteri per l'acqua ultrapura.

 

Le norme sono difficilmente rilevanti per l'argento colloidale. La norma DIN 43530 stabilisce che la conducibilità non deve superare i 10 µS/cm durante il riempimento. Tuttavia, questo non significa che questa conducibilità sia ancora presente nel contenitore che avete acquistato. La norma DIN stabilisce che 30 µS/cm non devono essere superati solo in caso di utilizzo in batterie. A 30 µS/cm, tuttavia, i sali d'argento si formano già durante la produzione di una soluzione d'argento, che può essere riconosciuta da una torbidità lattiginosa. Questo esempio ha lo scopo di dimostrare che le norme citate sono difficilmente applicabili alla produzione di argento colloidale.

 

Conducibilità (µS/cm)

 

La conducibilità elettrica viene solitamente misurata durante il riempimento, cioè immediatamente prima che l'acqua lasci la pianta. Poco dopo, questo valore può essere molto più alto perché l'acqua può assorbire CO2 dall'aria mentre esce dal dispositivo di riempimento e gli ioni vengono rilasciati dal contenitore di riempimento.


La letteratura richiede un massimo di 10 µS/cm per la produzione di una soluzione d'argento. Ciò significa che il valore durante il riempimento deve essere corrispondentemente più basso. A questo punto potrebbe essere utile un semplice contatore di conducibilità (contatore EC).

 

Aquadest (Aqua destillata, acqua monodistillata)

 

L'acqua distillata semplice è, come già detto, prodotta con vari processi. Ad esempio mediante distillazione a vapore, ma soprattutto mediante osmosi inversa e scambiatori di ioni. Buoni impianti industriali ad osmosi inversa raggiungono già valori corrispondenti a quelli della distillazione a vapore. Come già indicato in precedenza, per la denominazione di una norma (DIN 43530 - < 10 µS/cm) è necessario rispettare i parametri corrispondenti.


Viene venduto sotto forma di acqua distillata, acqua demineralizzata e forme speciali come Aqua purificata (acqua purificata), i cui parametri sono regolati dalla Farmacopea tedesca. La nostra raccomandazione: aquaionic.

 

Non consigliato Aquabidest (Aqua bidestilata, doppia acqua distillata), acqua ultrapura. Come suggerisce il nome, quest'acqua è prodotta per doppia distillazione. Tuttavia, l'osmosi inversa in combinazione con gli scambiatori di ioni o le elettrodeionizzazione produce anche qualità che corrispondono o addirittura superano quelle della doppia distillazione.

 

Va inoltre ricordato che esiste anche acqua distillata multipla (ad es. tripla).
L'acqua ultrapura per scopi analitici deve avere una conducibilità inferiore a 0,1 µS/cm (DIN EN ISO 3696).

 

In origine si pensava semplicemente che l'acqua più pura fosse la migliore per la produzione della soluzione d'argento, e quindi ancora oggi è diffusa l'opinione che sia assolutamente necessario utilizzare Aqua bidest, cioè l'acqua doppia distillata. Ma questo non è consigliabile, anche se è ancora raccomandato nella letteratura di oggi!


Da un lato Aqua bidest non è adatto al consumo, dall'altro aumenta notevolmente la deposizione di argento su tutte le superfici durante la produzione di soluzioni in argento. A volte tra gli elettrodi possono formarsi ponti d'argento che impediscono fortemente il rilascio dell'argento. Il risultato è una qualità inferiore con una concentrazione inferiore. Le misurazioni hanno anche dimostrato che la proporzione di ioni d'argento (e quindi l'effetto dell'argento) è inferiore quando si utilizza Aqua bidest. Lo stesso vale per l'acqua ultrapura.

 

L'acqua semplicemente distillata viene utilizzata da molte persone come cibo, apparentemente senza effetti negativi. Ad esempio, è presente sotto forma di pioggia anche in natura (a parte l'inquinamento atmosferico). Al contrario, Aqua bidest non si verifica in natura, è un prodotto puramente tecnico.

 

Materiale dei contenitori

 

Se l'acqua è destinata alla produzione di argento colloidale, deve essere riempita in un contenitore di materiale appropriato. Tuttavia, molti produttori si limitano a riempire i contenitori e le bottiglie in PVC. Qui si può presumere che i plastificanti contenuti si trovano anche nell'acqua. Questi materiali sono probabilmente la regola nelle stazioni di servizio e nei negozi di bricolage. 

 

Le plastiche alimentari che non contengono plastificanti solubili sono molto migliori. Questi possono essere trovati a volte in drogherie o farmacie. I contenitori in vetro sarebbero naturalmente la scelta migliore in questo senso. Tuttavia, a causa del loro peso e della loro fragilità, sono trasportabili solo a determinate condizioni e molto difficili da maneggiare in contenitori più grandi. La spedizione è di conseguenza costosa.

 

Importante prima di iniziare: Riscaldamento dell'acqua

 

In linea di principio, tutta l'acqua dovrebbe essere bollita prima di produrre la soluzione d'argento e poi raffreddata per circa tre minuti. Un semplice riscaldamento non è sufficiente. Dopo di che, non dovrebbe essere aggiunto altro calore. La ragione di ciò non è, come spesso si presume erroneamente, la sterilizzazione dell'acqua. L'argento disciolto piu' tardi puo' fare di meglio. 

 

Con il riscaldamento, la conduttività di molte acque viene leggermente aumentata, cosicché la corrente di lavoro del generatore d'argento viene raggiunta in pochi secondi. Questo naturalmente ha un effetto positivo su un rilascio di argento più preciso. Ma questo non funziona con tutta l'acqua. In particolare con alcune acque ultrapure, il riscaldamento può causare anche un leggero calo di conducibilità. Il motivo principale del riscaldamento è il degassamento dell'acqua.

 

E 'importante che sia bollito, come già detto in precedenza. L'uso di acqua fredda porterebbe ad una forte ossidazione dell'argento e si formerebbe principalmente una soluzione di ossido d'argento. Il riscaldamento nella forma sopra indicata è indispensabile per una buona qualità della soluzione d'argento. Il contenitore per il riscaldamento non ha alcun ruolo. Un fornello in acciaio inox è buono come una brocca di vetro.

 

La fornitura permanente di calore è errata

 

Un ulteriore apporto termico durante la produzione è controproducente. Questo provoca un movimento termico costante e troppo intenso della soluzione, che ritarda notevolmente il raggiungimento del necessario flusso di corrente e quindi si traduce in un minore rilascio di argento.

 

Riepilogo

 

Un buon generatore d'argento può sciogliere l'argento in modo uguale in quasi tutte le acque. Tuttavia, la sua influenza sulla qualità della soluzione finita è molto limitata. Qui l'acqua gioca un ruolo importante. Solo negli ultimi anni si sono cristallizzate le proprietà negative di Aqua bidest e di altre acque purissime, negative per le soluzioni d'argento, motivo per cui non possono più essere raccomandate in questo contesto. 

 

Per ottenere una buona qualità dell'argento colloidale, si consiglia l'uso di acqua semplicemente distillata con una conducibilità inferiore a 5 µS/cm. Per Aqua purificata è consentito un massimo di 4,3 µS/cm. In questo modo si otterrebbe già una soluzione d'argento di buona qualità. L'aquaionic® di nostra produzione ha una conducibilità < 2 µS/cm (se riempito) e viene offerto per la produzione di argento colloidale.

 

 

Hai trovato utili le informazioni contenute in questo articolo? Condividi.

by Admin  -  Aggiornato il 25 novembre 2019

Quale acqua distillata è adatta per l'argento colloidale?

Argento colloidale ionico e le sue proprietà antibatteriche e antibiotiche

Argento colloidale puro e quali sono le sue applicazioni

Questo prodotto rinforza il tuo sistema immunitario e la tua salute in modo naturale.

 

Le particelle d’argento in piccoli ioni da cui deriva la dicitura ionico, con una dimensione media inferiore a 0,01 micrometri è fondamentale perché permette alle particelle di muoversi liberamente nel corpo e di attraversare le diverse barriere e membrane presenti.

 

Oltre a spiegarti che cos’è l’argento colloidale ionico e le sue proprietà, ti darò indicazioni pratiche sui diversi utilizzi che puoi fare di questo prodotto, ovvero in quali disturbi, o infezioni potrà esserti utile e come è opportuno utilizzarlo. (leggi tutto)

Prima dell'avvento degli antibiotici, l'argento colloidale veniva largamente impiegato nel trattamento delle più svariate infezioni, sia per via esterna che per via interna come:

antibiotico naturale, antibatterico, antifungino, antinfiammatorio, antiparassitario, decongestionante delle mucose e antiossidante. 

 

Dal punto di vista scientifico si tratta di una sospensione liquida di argento puro, cioè di particelle d’argento purissimo al 99,99% con carica elettrica positiva, sospese in acqua.

 

L’acqua utilizzata per la sospensione deve essere distillata o bi-distillata in modo da essere assolutamente priva di minerali. (leggi tutto)

Blog
Argento Colloidale Medionic®